I protagonisti

Stefano Aymerich, di origini sarde e spagnole, e la moglie, Beatrice Lucangeli, di origini marchigiane proveniente da una famiglia già produttrice di vini, concentrarono inizialmente la loro attività nella coltivazione di cereali, ortaggi e foraggere e, successivamente, scelsero di valorizzare il patrimonio vitivinicolo presente nella Tenuta Tavignano con varietà autoctone. Dal 2014, la nipote, Ondine de la Feld, affianca il lavoro degli zii aggiungendo modernità alle scelte imprenditoriali.

Grazie alla collaborazione, prima con Giancarlo Soverchia che valorizzò il Verdicchio e successivamente con la consulenza di Pierluigi Lorenzetti, la Tenuta Tavignano ha beneficiato di numerosi riconoscimenti.

Il territorio

La Tenuta Tavignano si estende a 300 m sul livello del mare a Cingoli, in provincia di Macerata; lo scenario produttivo, beneficiando della posizione tra le valli dei fiumi Esino e Musone e la vicinanza al mare Adriatico,  annovera vini con caratteristiche organolettiche tali da classificarli tra i più rinomati del settore.

Una scelta di vini

Tra i Cru come non menzionare il Misco, verdicchio dei castelli di Jesi, DOC classico superiore, prorompente al gusto, fruttato all’olfatto, elegante alla vista per il colore paglierino che ne caratterizza l’aspetto.

Da annoverare tra i Classici, Villa Torre, dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, dall’aroma fruttato, dal retrogusto amarognolo con caratteristiche tipiche del verdicchio e naturalmente succoso. L’abbinamento con antipasti o pesce ne valorizza la tipicità.

Tra la vasta gamma di vini il Pestifero è ricordato per la sua varietà aromatica, un misto di fragranze erbacee, nonché agrumate, l’anidride carbonica lo rende al gusto chiaramente secco.

Contatto

Società Agricola Lucangeli Aymerich di Laconi –

Località Tavignano 62011 Cingoli (Macerata)

Tel. 0733 617303Fax. 0733 617320

Email: info@tenutaditavignano.ithospitality@tenutaditavignano.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *